Porco

Posted on 29/03/2011

0


maschio sciovinista. L’ho sentita per la prima volta quando ero molto piccola guardando il film della Disney “freaky friday”. Allora non sapevo cosa significasse dare del “porco” a un maschio in questi termini e ignoravo totalmente l’etimo di “sciovinista” ne mi ponevo il problema di saperlo per impiegarlo nella mia vita di tutti i giorni.
Gli anni passavano sul mio volto e crescendo imparai che sciovinista si riferisce a una persona fanatica accecata da un bieco nazionalismo, così mi immaginavo gli uomini del reich, i fascisti del ventennio rigorosamente in bianco e nero che alzavano il braccio destro ardito verso una fittizia entità.

Ci penso. Sembrava un altro paese, eppure era proprio questo, dove oggi viviamo parliamo e scriviamo senza paura.

Oggi accendendo il televisore mi ritrovo con l’immagine nitida pacifica e sorridente di un uomo elegante e tolettato in giacca blu molto elegante con la voce chiara e pacata in sottofondo di chi vuol far valere le proprie ragioni come se fossero quelle di un intero paese. Con calma caparbia si scaglia contro chi, nei tribunali, ha ingiustamente indagato sul suo conto riguardo a corruzione per raggiungere posizioni dominanti, per far sesso con minorenni. Tutto ciò facendo spendere un sacco di soldi, milioni, presi dalle tasche degli italiani. Che ingiustizia. E’ come se qualcuno venisse da voi e vi dicesse ” lo sai che il macchinario che permette alla medicina di curarti è pagato con i tuoi soldi?” ma è sempre un ingiustizia.

Sempre durante la mia giovane età, quando guardavo i film della disney, mi avevano insegnato che su certe cose non sta a noi giudicare, indipendentemente dal fatto di trovare giusto o no un provvedimento. Imparai cos’era la legge.

Poi un vecchio bavoso con la bocca storta (si dice che se la sia procurata, la paralisi, da un forte attacco di ictus mentre faceva sesso con una minorenne, ndr) appena appreso che nell’isola di Lampedusa 2000 profughi sono rimasti senza pasto ha esclamato, senza vergogna ne ritegno ne umanità “fora de ball”, come se la condizione esistenziale di questi non fosse già abbastanza tragica.

E l’opposizione, che fa? Celermente Bersani fa sapere che se è questa la scandalosa linea del Governo riguardo al problema allora che “facciano da soli”. Bene c’è ancora qualche sostenitore della secessione dell’Aventino. Questa è la linea forte che un opposizione deve avere, bravi.

Annunci
Posted in: l'opinione, politica