Stato di borghesia immanente

Posted on 28/07/2011

0


Cosa succede quando muore un vip? Non voglio neanche pensarlo. Inorridisco al pensiero che il come il quando e il perché della mia morte debbano essere spiattellati senza ritegno, e le mie cose personali vendute all’asta. Ma di certo io non ho questo problema e non debbo preoccuparmene!

E dire che si dice che Courtney Love abbia venduto le ceneri di Kurt Cobain a una tizia tedesca che le ha poi fumate con orgoglio a un festival in Australia.
Aneddoti. Ma che dire di chi gioca con la morte altrui facendone il baluardo di una lezione moralista tradizionale? E non ho voluto aggiungere di destra. No perché non c’entra. Se uno è bigotto è bigotto.
Amy Winehouse, una delle più controverse cantanti pop di questi anni è morta una settimana fa di overdose. Ed ecco accorrere numerosi questi moralisti della vita umana ai cancelli dell’opinione pubblica. Gridano, si danno spinte e gomitate “non fate come lei” si sente urlare dalla bolgia.
Poi i moralisti musicali “ha fatto la cosa migliore”, “faceva schifo” e si mostrano foto della cantante con gli occhi rigirati, il trucco sbavato i capelli impicciati. Insomma non fate come questa qui: drogata, anoressica e strumento dell’industria pop; St’immondizia, questo pallido lumino che passerà alla storia soltanto per essere defunta a 27 anni come la Joplin e Jimi Hendrix; L’agnello di Dio che si celebra in tutte le chiese non ha dunque mai fatto uso di stupefacenti?
Voi ragazzi non dovete drogarvi, no. Dovete trovarvi un bel lavoro, una casetta, guardare tv e social network e farvi gli aperitivi al mercoledì; una canna ogni tanto, chiudiamo un occhio, ma mai esagerare, no la DEVIANZA NON DEVE ESISTERE. La vedete questa foto? è come era lei veramente: ubriaca, drogata e squallida. Fatevi due risate anche e celebrate la gioia di vivere, cari cari ragazzi. Poi, già che ci siete votateci.

Annunci
Posted in: Mondo